HomeSelfieCall center a perdere: preallarme dell’era dei robot

Call center a perdere: preallarme dell’era dei robot

La crisi dei call center anticipa il big bang dei robotcall center a perderePiange di strazio il telefono. Lo strazio disperato dei padri di famiglia che ricevono le lettere di licenziamento. Ma questa volta la crisi economica, l’euro, lo spread  non c’entrano. C’entra la mala politica e il cinismo di chi specula sulla pelle dei lavoratori dei call center.

Speculazioni e ricatti politici sono soltanto alcuni degli elementi della deflagrazione del vulcano sociale della chiusura dei call center. Un vulcano che minaccia di travolgere circa 80 mila addetti.call center a perdere

Negli anni scorsi molte multinazionali del settore hanno fatto affari d’oro accaparrandosi appalti  milionari per i servizi di conctat center degli enti pubblici. E hanno assunto con contratti di apprendistato decine di migliaia di operatori, segnalati dai ras politici locali.

Finita la pacchia degli appalti senza vere gare e andati a vuoto i primi ricatti politici, molte aziende di call center starebbero ora tentando di usare i lavoratori come carne da cannone per strappare interventi pubblici a sostegno dell’occupazione, cioè non solo ammortizzatori sociali, ma soprattutto commesse straordinarie che consentano la riassunzione dei dipendenti licenziati.call center a perdereA rendere, se possibile, ancora più dirompenti le conseguenze sociali della crisi dei call center sono le cause latenti che l’hanno innescata. Cause che prescindono dalla mala politica e dal voto di scambio made in Italy, ma che riguardano la delocalizzazione dei posti di lavoro e l’utilizzazione di robot sempre più intelligenti e versatili.

Paradossalmente nel processo di risoluzione dell’inclusione sociale del lavoro potrebbe trovarsi, in scala ridotta, anche la chiave di volta della ben più globale ed esistenziale problematica dello tsunami della disoccupazione, con percentuali superiori al 50%, che nel giro di qualche decennio la robotizzazione del lavoro provocherà in Occidente.call center a perdere

Nessuno va lasciato indietro, ma é urgente ridisegnare e riorganizzare società e lavoro. Una  evoluzione del concetto di occupazione che dovrebbe comprendere clausole sociali ben ridisegnate, soprattutto a sostegno delle sfere sociali del lavoro, della difesa dell’ambiente, della sanità, e della libertà dell’informazione.

 

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3522 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3522 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
41 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
17 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
7 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS