Cina Usa l’accordo c’é e il boom dei mercati anche

0
366
Cina Usa l'accordo c'é ma non è ancora ufficiale
Condividi

Pubblichiamo la sintesi dell’analisi del Washington Post sull’accordo commerciale che mette fine alla guerra dei dazi fra Stati Uniti e Cina e che rilancia l’economia mondiale

Cina Usa l'accordo c'é ma non è ancora ufficialeLa Casa Bianca e i negoziatori cinesi hanno raggiunto un accordo commerciale che riduce drasticamente le tariffe di importazione.

Il Presidente Donald Trump è pronto a  firmare l’intesa che prevede varie concessioni reciproche fra Washington e Pechino.

Trump ha approvato giovedì l’accordo commerciale tra Cina e Stati Uniti, che fa scattare  una tregua nel conflitto commerciale che da  21 mesi sconvolge i mercati finanziari, interrotto le catene di approvvigionamento delle imprese e fatto pagare ai contribuenti decine di miliardi di dollari.

In una riunione della Casa Bianca con i consulenti commerciali, il Presidente ha firmato uno scambio di riduzioni tariffarie statunitensi in cambio della spesa della Cina di $ 50 miliardi in beni agricoli statunitensi, rafforzando le protezioni sulla proprietà intellettuale e aprendo i mercati dei servizi finanziari. “È una svolta storica “, ha affermato Michael Pillsbury, un esperto cinese presso l’Hudson Institute il quale afferma che il Presidente lo ha informato dell’accordo giovedì.https://www.zerozeronews.it/boom-economico-in-vista-stati-uniti-e-cina-quasi-amici/

Un alto funzionario amministrativo, parlando a condizione di anonimato perché il funzionario non era autorizzato a parlare con i media, ha confermato la dichiarazione di Pillsbury.

L’accordo rappresenta lo sbocco di negoziati spesso  sulle montagne russe, che hanno portato i due paesi sull’orlo del successo più di una volta quest’anno, e poi invece andati in  stallo. I diplomatici delle due maggiori economie del mondo hanno lavorato per evitare la scadenza di domenica, quando erano programmate per entrare in vigore le nuove tariffe statunitensi su 160 miliardi di dollari di merci cinesi

Aumento che ora non scatterà mentre secondo Pillsbury le tariffe esistenti su $ 360 miliardi nelle importazioni cinesi saranno ridotte. L’accordo include disposizioni che penalizzeranno il governo cinese in caso di mancata esecuzione degli ordini agricoli richiesti.

Il cosiddetto accordo di “prima fase” lascia le questioni più spinose nella controversia commerciale USA-Cina ai negoziati futuri, che dovrebbero iniziare l’anno prossimo. I massicci sussidi della Cina per le imprese statali e la sua pratica di costringere le compagnie straniere a cedere segreti tecnologici in cambio dell’accesso al mercato cinese saranno oggetto della “seconda fase” dei colloqui.

Pillsbury ha raccontato che il Presidente gli ha detto, in una telefonata nel tardo pomeriggio che anticiperà quei colloqui.https://www.zerozeronews.it/boom-economico-in-vista-stati-uniti-e-cina-quasi-amici/

Per Trump, l’accordo con la Cina fa parte di un’improvvisa raffica di iniziative politiche che ha abbagliato Washington, mentre i Democratici alla Camera stanno proponendo per la settimana prossima la procedura di impehacment.

I piani per annunciare l’accordo, incluso se un testo ufficiale sarà reso pubblico, rimangono in evoluzione. L’amministrazione ha dichiarato di non voler chiedere l’approvazione congressuale dell’accordo.

“L’accordo è sostanzialmente concluso. I meccanismi di come lo esegui e di come lo firmi devono ancora essere elaborati ”, ha detto una fonte informata sulle deliberazioni della Casa Bianca, che ha parlato sotto anonimato perché non autorizzata a parlare con i media.

Secondo uno  scenario plausibile , Robert E. Lighthizer, capo negoziatore commerciale della Casa Bianca e al’Ambasciatore cinese presso gli Stati Uniti Cui Tiankai, potrebbero firmare il documento a partire da venerdì. In alternativa, Lighthizer e il segretario al Tesoro Steven Mnuchin potrebbero recarsi a Pechino per la firma.

https://www.zerozeronews.it/boom-economico-in-vista-stati-uniti-e-cina-quasi-amici/
Trump e l’Ambasciatore Cinese Cui Tiankai

I funzionari dell’amministrazione prevedono che Trump trarrà beneficio politico dal siglare un accordo con la Cina. La sua decisione di confrontarsi con Pechino sulle sue pratiche commerciali discriminatorie è stata sostenuta da gruppi imprenditoriali e agricoli che avevano sentito il bruciore del comportamento cinese. Trump ha iniziato a imporre tariffe sulle importazioni cinesi nel marzo 2018, nel tentativo di spingere Pechino a rivedere la sua economia dominata dallo stato. I leader cinesi hanno reagito, interrompendo gli acquisti di prodotti agricoli statunitensi, nel tentativo di fare pressione su alcuni dei più forti sostenitori di Trump.

Con l’escalation della guerra commerciale, i costi sono lievitati. Solo nel mese di agosto, come danni collaterali della guerra commerciale, sono stati licenziati più di 10.000 lavoratori. Per sostenere gli agricoltori, elettoralmente rilevanti che hanno perso le redditizie vendite ai cinesi, Trump ha speso 28 miliardi di dollari, un importo che era più del doppio del controverso salvataggio del 2009 nel settore automobilistico.

“Non è chiaro che si otterrà molto dall’affare se non quello di sciogliere in parte alcune delle interruzioni create all’inizio di quest’anno, lasciando sul posto altre incertezze”, hanno detto gli economisti di JP Morgan.

Myron Brilliant, vice presidente esecutivo della Camera di commercio degli Stati Uniti, ha affermato che l’accordo andrà a beneficio dei produttori e degli agricoltori americani. “È un primo passo importante, ma solo un primo passo”, ha detto. “C’è ancora molto lavoro da fare.”

Ma non tutti condividono l’accordo. Anche prima di una decisione presidenziale formale di procedere, i critici repubblicani dell’accordo di “prima fase” hanno lanciato l’allarme.

Il senatore Marco Rubio, repubblicano della Florida e membro del Comitato per le relazioni estere del Senato, del Senato, ha messo in guardia dal stabilirsi troppo rapidamente con Pechino.

” @WhiteHouse dovrebbe considerare il rischio che un accordo a breve termine con #China offra la leva tariffaria necessaria per un accordo più ampio sulle questioni che contano di più come sussidi alle imprese nazionali, trasferimenti di tecnologia forzata e blocco dell’accesso delle imprese statunitensi a settori chiave “, ha twittato Rubio.

Derek Scissors, un falco cinese con l’American Enterprise Institute e occasionale consigliere amministrativo, ha accusato il presidente di affrettarsi a fare un accordo.

“Questo tempismo è davvero strano”, ha detto Scissors. “Tecnicamente, c’è stato un accordo sul tavolo che il presidente dovrebbe firmare da qualche tempo. Ciò che è cambiato è che pensano che il presidente dirà di sì “.

“Avvicinarsi MOLTO a una GRANDE OFFERTA con la Cina”, ha twittato il presidente poco dopo l’apertura di Wall Street. “Lo vogliono, e anche noi!”

L’accordo emergente sarebbe tuttavia ben al di sotto dell’obiettivo iniziale del presidente: una soluzione globale delle denunce degli Stati Uniti riguardo alle imprese statali cinesi sovvenzionate e al furto di segreti commerciali.Cina Usa l'accordo c'é ma non è ancora ufficiale

Facebook Comments
Condividi