Coronavirus che fare e soprattutto non fare

0
122
Emergenza Coronavirus
Condividi

Coronavirus h24: regole da osservare e impegno civile da esplicitare. “Parchi e giardini pubblici possono restare aperti per garantire lo svolgimento di sport ed attività motorie all’aperto, come previsto dall’art.1 comma 3 del dpcm, a patto che non in gruppo e che si rispetti la distanza interpersonale di un metro”. Lo precisa Palazzo Chigi sul sito del Governo, aggiornando l’elenco delle risposte alle domande frequenti sulle misure adottate dall’esecutivo per fronteggiare l’emergenza coronavirus.Coronavirus che fare e soprattutto non fare

La novità principale del decreto del Presidente del Consiglio dell’11 marzo – viene sottolineato sul sito del Governo – è la chiusura, fino al 25 marzo, su tutto il territorio nazionale, di tutte le attività di ristorazione (bar, pub, pizzerie, ristoranti, pasticcerie, gelaterie etc.) e di tutti i negozi, tranne quelli delle categorie espressamente previste.

In particolare, restano aperti i negozi di prodotti alimentari, le farmacie, le parafarmacie, le edicole, le tabaccherie, i bar e punti di ristorazione nelle aree di servizio stradali e autostradali e i negozi di prima necessità o di servizi alla persona.Coronavirus che fare e soprattutto non fare

Inoltre, “sempre fino al 25 marzo, il decreto prevede che i Presidenti delle Regioni possano ridurre i servizi di trasporto pubblico locale, anche non di linea, per effettuare le dovute sanificazioni e assicurare i livelli essenziali di servizio. Allo stesso modo, il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti potrà disporre la cancellazione o la riduzione dei servizi di trasporto via pullman, treno, aereo o nave.Coronavirus che fare e soprattutto non fare

Si deve evitare di uscire di casa. Si può uscire per andare al lavoro o per ragioni di salute o per altre necessità, quali, per esempio, l’acquisto di beni necessari. Si deve comunque essere in grado di provarlo, anche mediante autodichiarazione che potrà essere resa su moduli prestampati già in dotazione alle forze di polizia statali e locali. La veridicità delle autodichiarazioni sarà oggetto di controlli successivi e la non veridicità costituisce reato.

È comunque consigliato lavorare a distanza, ove possibile, o prendere ferie o congedi. Senza una valida ragione, è richiesto e necessario restare a casa, per il bene di tutti. È previsto anche il ‘divieto assoluto’ di uscire da casa per chi è sottoposto a quarantena o risulti positivo al virus.

E’ possibile uscire di casa per gettare i rifiuti “seguendo le normali regole già in vigore in ogni Comune” e si può uscire col proprio animale da compagnia “per le sue esigenze fisiologiche, ma senza assembramenti e mantenendo la distanza di almeno un metro da altre persone”.Coronavirus che fare e soprattutto non fare

E’ possibile portare gli animali domestici dal veterinario “per esigenze urgenti”, mentre “i controlli di routine devono essere rinviati”. La bicicletta “è consentita per raggiungere la sede di lavoro, il luogo di residenza, nonché per raggiungere i negozi di prima necessità e per svolgere attività motoria. E’ consentito svolgere attività sportiva o motoria all’aperto anche in bicicletta, purché sia osservata una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro”. Non sono previste limitazioni per il transito delle merci.

Gli uffici pubblici rimangono aperti “su tutto il territorio nazionale. L’attività amministrativa è svolta regolarmente”.

Il dipendente pubblico che ha sintomi febbrili è in regime di malattia ordinaria o ricade nel disposto del decreto-legge per cui non vengono decurtati i giorni di malattia?

“Rientra nel regime di malattia ordinaria. Qualora fosse successivamente accertato che si tratta di un soggetto che rientra nella misura della quarantena o infetto da Covid-19, non si applicherebbe la decurtazioneCoronavirus che fare e soprattutto non fare

Facebook Comments
Condividi