Dureghello: cultura e presa di coscienza essenziali contro i veleni dell’antisemitismo

0
654
Dureghello cultura e presa di coscienza essenziali contro i veleni dell’antisemitismo
Condividi

C’è sgomento e allarme per la constatazione, a riflettori ancora accesi sulla giornata della memoria, di come continuino a proliferare le tragiche radici dell’erba velenosa dell’antisemitismo nonostante la commossa partecipazione istituzionale e popolare alla commemorazione dell’immane tragedia dell’umanità della Shoah.Dureghello cultura e presa di coscienza essenziali contro i veleni dell’antisemitismo

Lo evidenziano anche le solidarietà manifestate sui social ai tre consiglieri comunali di Cogoleto che nella seduta del 27 gennaio hanno deliberatamente inscenato saluti fascisti in segno di disprezzo per la commemorazione della Shoh.

Del resto, mentre  in Europa dalla Germania alla Francia si susseguono le ondate sempre più violente di antisemitismo, nel nostro Paese come ha denunciato una ricerca commissionata dall’Osservatorio Solomon e redatta dalla Euromedia Research di Alessandra Ghisleri,  l’1,3 degli italiani pensa che il genocidio degli ebrei sia una leggenda inventata.

Dureghello cultura e presa di coscienza essenziali contro i veleni dell’antisemitismo
Ruth Dureghello

Un dato sconvolgente, addebitabile, afferma da Ruth Dureghello, presidente della storica Comunità ebraica di Roma “all’ignoranza e all’indiffrenza”.

Quale il livello di antisemitismo percepibile a Roma e in Italia?

Una componente importante dell’antisemitismo di oggi è il sommerso, ovvero tutti quegli episodi che accadono sotto gli occhi indifferenti di troppe persone. I social network si pongono come terreno fertile per l’ignoranza e il pregiudizio, divenendo luogo prediletto di diffusione di fake news e teorie complottiste che, purtroppo, hanno trovato una platea importante nel nostro paese. Molti degli episodi di antisemitismo derivano proprio dalla tendenza dei ragazzi di formarsi più in rete che a scuola. Come conseguenza dell’assenza di filtri e di controlli sui contenuti online, sempre più frequentemente i giovani si relazionano tra di loro con epiteti offensivi e pieni di pregiudizio. All’emulazione di ciò che si vede in rete sono attribuibili molti episodi ed atteggiamenti pericolosi, a fianco dei ben noti gesti che scaturiscono dall’ignoranza: dall’uso del nome di Anna Frank, non conoscendone la storia, con l’obiettivo di offendere; il mostrare il braccio teso come gesto abituale, arrivando allo sradicamento delle pietre d’inciampo.Dureghello cultura e presa di coscienza essenziali contro i veleni dell’antisemitismo

Basterà tenere viva la memoria per scongiurare il ritorno di un orrore simile?

La storia ci ha insegnato che, purtroppo, l’odio e il male non sono sconfitti e che gli orrori si ripropongono mietendo vittime innocenti. La Shoah rappresenta un unicum, caratterizzato da una disumanità e da una gravità che non conosce eguali. Per questo la memoria non va banalizzata e ridotta a mero ricordo. Da un lato, bisogna lavorare con impegno e costanza sulla cultura e sull’educazione dei giovani in particolare, dall’altro occorre insistere sui temi della responsabilità e della consapevolezza di quel che è stato. Solo acquistando coscienza e consapevolezza potremo impedire che l’assoluta disumanità che ha contraddistinto la Shoah possa riproporsi.

Dureghello cultura e presa di coscienza essenziali contro i veleni dell’antisemitismo
Campo di sterminio di Auschwitz

Dalla disumanità nazista e di tutte le altre dittature che hanno perseguitato gli ebrei, alle nuove forme di linciaggio antisemita attraverso il web. Come arginarlo ed evitare che si espanda?

L’antisemitismo e l’odio possono essere arginati prima di tutto facendo ricorso ai valori in cui ci riconosciamo come società. In questo senso l’educazione, tanto a casa quanto nelle scuole, riveste un ruolo di primo piano, e deve essere accompagnata dall’azione delle istituzioni per una condanna ferma e decisa degli episodi di antisemitismo. Un’azione che deve procedere senza ambiguità e strumentalizzazioni, facendo ricorso alle leggi di cui ci siamo dotati e prevedendo nuove disposizioni efficaci nell’arginare l’odio in rete, che ad oggi rappresenta il più imponente e pericoloso veicolo di trasmissione di odio e pregiudizi.

Da dove trae origine e come si può prevenirlo?

Le origini dell’antisemitismo sono lontane e risalgono, probabilmente, alla difficoltà di accettare il diverso come risorsa, percependolo invece come un pericolo o, peggio, una minaccia. Gli ebrei sono da millenni i diversi per eccellenza ed abbiamo sempre orgogliosamente rivendicato la nostra identità. Non è ancora nella cultura e nelle coscienze di tutti la capacità di comprendere che il rispetto e la comunanza di valori può andare oltre la fede, il colore o le qualità di ciascuno.  Solo uniti nella comune volontà di conoscere e conoscersi senza pregiudizio, potremo sperare che il “Mai più”, di cui tanto e troppo spesso ormai si parla senza davvero comprenderne il significato, si realizzi.Dureghello cultura e presa di coscienza essenziali contro i veleni dell’antisemitismo

Facebook Comments
Condividi