HomeLapidiIl nulla oltre l’orrore che resta di Matteo Messina Denaro

Il nulla oltre l’orrore che resta di Matteo Messina Denaro

L’ultimo respiro, dopo quattro giorni di coma, intorno alle 2 della mattina di un freddo lunedì di settembre: é morto così Matteo Messina Denaro. E’ spirato in solitudine, monitorato dalle apparecchiature sanitarie che, registrato il suo ultimo battito cardiaco, hanno segnalato il decesso.Il nulla oltre l’orrore che resta di Matteo Messina Denaro

Dal reparto detenuti dell’ospedale San Salvatore de L’Aquila dove il boss era ricoverato dall’inizio della fase terminale del tumore al colon che in poco meno di tre anni lo ha ucciso, la notizia della morte di Matteo Messina Denaro é rimbalzata prima dell’alba alla Procura di Palermo, al Comando Generale dei Carabinieri e al Ministero dell’Interno.

Da otto mesi, dalla cattura il 16 gennaio da parte del Ros dei Carabinieri, il capomafia era detenuto nel supercarcere di Costarelle a l’Aquila.

La morte del padrino di Castelvetrano focalizzerà ulteriormente le indagini antimafia sui 30 anni della sua latitanza sui beni dell’impero finanziario, societario ed immobiliare ereditato dal padre, lo storico capomafia trapanese Francesco Messina Denaro, ed incrementato dall’erede designato del clan.

Il nulla oltre l’orrore che resta di Matteo Messina Denaro
Matteo Messina Denaro il giorno della cattura, il 16 gennaio 2023 a Palermo, da parte del Ros dei carabinieri

Un patrimonio radicato essenzialmente in Sicilia, gestito attraverso prestanome e intestazioni fittizie e finanziariamente esteso da Matteo Messina Denaro anche all’estero.

Una gestione di beni che presuppone contabilità e movimentazioni, per le quali sono indispensabili appunti, la tenuta di un registro e probabilmente un computer. Carte e computer che gli inquirenti stanno cercando in covi ancora segreti.

Elementi essenziali per venire a capo delle ulteriori identità utilizzate,  delle coperture e delle complicità che hanno garantito al boss protezione e agibilità durante la latitanza. «Queste cose io, qualora ce le avessi, non le darei mai, non ha senso per il mio tipo di mentalità» ha in proposito dichiarato Messina Denaro ai magistrati della Procura di Palermo durante gli interrogatori.

Il nulla oltre l’orrore che resta di Matteo Messina Denaro
Salvatore Riina

Oltre ai retroscena delle stragi di mafia, fra i tanti segreti che il capomafia deceduto si è portato nella tomba vi é soprattutto quello riguardante l’archivio di Totò Riina, che secondo il pentito Nino Giuffré dopo la cattura del capo dei capi di cosa nostra, nel gennaio del 1993, sarebbe stato consegnato al boss di Castelvetrano.

L’allora giovane rampollo delle cosche trapanesi e il padrino corleonese erano molto legati.  “Riina era maniacale nel mettere insieme e conservare tutti i documenti, prendeva appunti anche alle riunioni e li metteva da parte e quelle carte sono finite a Matteo Messina Denaro” ha affermato con convinzione il pentito Giuffré.

L’attenzione ora si sposta a Castelvetrano dove sarà trasferito e sepolto Matteo Messina Denaro. Esclusi i funerali pubblici, saranno minuziosamente radiografate presenze e partecipazioni al lutto dei familiari.

Per decifrare eventuali indizi e disinnescare il rischio che possa in qualche modo essere giustificata un’esistenza senza senso e senza pietà, come quella vissuta da Matteo Messina Denaro. Un’esistenza della quale oltre l’orrore non resta che il nulla.Il nulla oltre l’orrore che resta di Matteo Messina Denaro

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3493 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3493 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS