Le dimissioni interrupte di Zingaretti e quelle di Ratzinger

0
1085
Le dimissioni interrupte di Zingaretti e quelle di Ratzinger
Condividi

Le zeta di Zingaretti e Ratzinger non sono affatto quelle di Zorro, ma le convulse dimissioni di entrambi evidenziano singolari similitudini e analoghe considerazioni.

La prima e più evidente considerazione é che le dimissioni o sono piene o non sono vere dimissioni. Ovvero: se Benedetto XVI voleva davvero dimettersi da Pontefice non avrebbe dovuto inventarsi l’inedito e dirompente precedente del Papa emerito, doppione in bianco del legittimo successore. Si sarebbe dovuto dimettere in toto e spogliarsi umilmente dello status e dei titoli papali.Le dimissioni interrupte di Zingaretti e quelle di Ratzinger

Se il segretario del Pd avesse davvero voluto dimettersi, avrebbe dovuto rimarcare l’irrevocabilità della decisione e rinunciare anche alla contemporanea carica di Presidente della Regione Lazio, che gli consente di rimanere in ogni caso sulla scena politica.

Le mezze dimissioni legittimano insomma i dubbi che possano trattarsi  di scelte gattopardesche.

Parafrasando Macchiavelli si potrebbe inoltre argomentare che le dimissioni interrupte ruinano i successori. Le dimissioni interrupte di Zingaretti e quelle di Ratzinger

L’altra singolare similitudine che accomuna Ratzinger e Zingaretti è rappresentata dai rispettivi consiglieri maître à penser, con licenza d’interviste: Mons. Georg Gänswein e Goffredo Bettini.

Due eminenze grigie, influenti e spesso decisive per le decisioni del Papa Emerito, che probabilmente in cuor suo avrebbe preferito ritirarsi a pregare nell’anonimato, e dell’ex segretario Pd che a detta di molti avrebbe mollato volentieri Nazareno e Pisana. Destini singolarmente paralleli, preceduti dalle ombre lunghe dei consiglieri

  • Il vaso di pandora di UrLe dimissioni interrupte di Zingaretti e quelle di Ratzinger

Francesco ricomincia da Ur, sulle orme di Abramo. Nella speranza che a differenza del patriarca dell’ebraismo, del cristianesimo e dell’islamismo questa volta si riesca a disinnescare l’odio delle guerre di religione e a far convergere la ricerca del trascendente con la coesistenza pacifica.

  • Sindrome di RenziLe dimissioni interrupte di Zingaretti e quelle di Ratzinger

Al Nazareno impazza il toto segretario. A Fassino, Finocchiaro, Pinotti, Serena, Del Rio ed Enrico Letta si aggiunge la new entry Giuseppe Provenzano, già ministro del Sud. “ E’ l’unico in grado di fermare Renzi”  sostiene la base per altezza del Pd…

Le dimissioni interrupte di Zingaretti e quelle di Ratzinger
Giuseppe Provenzano
Facebook Comments
Condividi