HomeMafia SecretsLe inconfessabili verità dietro l’omicidio Dalla Chiesa

Le inconfessabili verità dietro l’omicidio Dalla Chiesa

Zero retorica. Per dare un senso compiuto al 40esimo anniversario dell’omicidio del Generale Prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa è essenziale ricostruire fatti e contesto di un delitto che, come altri specifici omicidi di mafia, ha una valenza glocal: locale e globale.

Dall’agguato di via Isidoro Carini a Palermo sono passati esattamente 14.610 giorni, ma la verità storica che emerge da tutti i riscontri è che, ad appena tre mesi dall’insediamento di Dalla Chiesa alla Prefettura di Palermo, cosa nostra oltre a rispondere alla sfida antimafia abbia  “tecnicamente” eseguito un omicidio su commissione.

Le inconfessabili verità dietro l’omicidio Dalla Chiesa
L’auto sulla quale vennero trucidati il Generale Dalla Chiesa e la moglie Emanuela Setti Carraro

Per conto di chi e perché ?  “La verità parziale l’abbiamo avuta, ma c’è sempre un pezzo che manca, che rimane fuori e non si può provare in tribunale”  sottolinea in tutte le interviste il figlio del Generale, il Prof. Nando Dalla Chiesa, in riferimento a killer e mandanti mafiosi e soprattutto alla nebulosa di mandanti e interessi sovrastanti le cosche.

Le inconfessabili verità dietro l’omicidio Dalla Chiesa
Piersanti Mattarella e Pio La Torre

L’uccisione del Generale che aveva sbaragliato le brigate rosse e il terrorismo ha un dirompente effetto glocal, locale e nazionale, come i retroscena e i cui prodest dell’assassinio del Presidente della Regione siciliana Piersanti Mattarella ( per spianare la strada a Palazzo d’Orleans e seppellire definitivamente il moroteismo) gli omicidi dei superpoliziotti Boris Giuliano e Ninni Cassarà ( per bloccare le loro indagini su narcotraffico, riciclaggio e contiguità fra mafia politica esattorie e credito) l’agguato al segretario del Pci siciliano Pio La Torre (lungo la palude degli appalti e la mobilitazione contro gli  euromissili) e le stragi Falcone e Borsellino.

Il filo conduttore intuitivo, ma ultimamente  sostanziato da varie risultanze investigative, collega l’eventuale urgenza di eliminare Dalla Chiesa ai retroscena del sequestro e dell’uccisione del Presidente della Dc Aldo Moro da parte, anche, dei terroristi delle brigate rosse.

Non c’è solo l’incredibile rinvenimento del memoriale Moro nel covo brigatista di via Montenevoso a Milano, nel 1990 a 16 anni dall’assassinio del leader democristiano, ma la documentazione e le testimonianze riguardanti i colloqui e le richieste del Generale intercorse con gli esponenti del Governo e i leader politici. Da Spadolini a Andreotti, da Rognoni a Craxi e De Mita.

Le inconfessabili verità dietro l’omicidio Dalla Chiesa
Aldo Moro

E’ un dato storico che dopo gli ampi poteri che gli consentirono di essere il propulsore diretto del successo della lotta contro il terrorismo, al culmine del convulso travaglio politico e istituzionale del dopo Moro, Carlo Alberto Dalla Chiesa venne inviato praticamente disarmato in Sicilia sulla trincea antimafia.

Per essere platealmente trucidato dopo 100 giorni in pieno centro a Palermo, assieme alla moglie Emanuela Setti Carraro e all’autista Domenico Russo.

Testimonianze di coraggio: Carlo Alberto dalla Chiesa, vita, dedizione e sacrificio per il bene dell'Italia | Ministero dell'Interno
Il Generale Prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa e la moglie Emanuela Setti Carraro

Buio, misteri, depistaggi, ricatti e altri delitti per occultare verità inconfessabili.

Ma in che Italia viviamo se mentre gli anniversari passano stanchi, corrosi dalla retorica e dall’oblio, ancora non si riesce a delineare compiutamente non soltanto le responsabilità dirette, ma neanche il contesto degli anni di piombo e dei delitti Moro, Piersanti Mattarella, Dalla Chiesa, Giuliano, Cassarà, sino alle stragi di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino?Le inconfessabili verità dietro l’omicidio Dalla Chiesa

 

 

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3431 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3431 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
22 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
14 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
14 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
9 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS