Millennial music gli eredi di Beatles Dylan Rolling Stones

0
Condividi

I nuovi miti musicali dei millennial Millennial music gli eredi di Beatles Dylan Rolling Stones

Che musica ascoltano i millennial e chi sono i loro idoli musicali, i nuovi miti che stanno subentrando ai Beatles, a Bobby Dylan, ai Rolling Stones e alle icone delle generazioni precedenti?

Fra cantanti e i gruppi più seguiti spiccano i nomi di: Ariana Grande, Big Time Rush, Miley Cyrus, Katy Perry, Take That, Little Mix, Justin Bieber, One Direction, Coldplay, Benji & Fede, Liam Gallagher, Ciuffi Rossi, Gemeliers, Selena Gomez, Soy Luna, The Vamps, 5 Seconds Of Summer.Millennial music gli eredi di Beatles Dylan Rolling Stones

Come per tutte le fasi della vita, il passaggio è musicalmente epocale. In un mondo dominato dalla forma piuttosto che dalla sostanza, anche l’espressione musicale rispecchia la new way.

Millennial music gli eredi di Beatles Dylan Rolling Stones the vamps

The Vamps

Millennial music gli eredi di Beatles Dylan Rolling Stones ariana grande

Ariana Grande

Millennial music gli eredi di Beatles Dylan Rolling Stones one direction

Meteore musicali e falsi miti si rincorrono perennemente, ma nessuna band, nessun artista, per quanto acclamato e seguito dalla web generation, sembra ancora in grado di raccogliere l’eredità di miti ervergreen come quelli dei Fab four, di Dylan e dei Rolling Stones.

Perché ? Secondo sociologi e critici musicali perché la millennials music è ancora in incubazione e non è in grado di sintetizzare le sensibilità in tumultuosa evoluzione degli adolescenti. Millennial music gli eredi di Beatles Dylan Rolling Stones

Sono gli stessi motivi di fondo che spiegano come, dopo 50 anni, abbiano ancora enorme presa parole e musiche dei Beatles, nonostante siano trascorsi 47 anni dal loro scioglimento, dei Rolling Stones, ormai ultrasettantenni, e di Bob Dylan, al quale è stato assegnato il Nobel per la letteratura.

Intramontabili miti che dopo aver interpretato l’anima delle loro generazioni, consentono di ripercorrerne la storia.

Ruggero D’Anna

Condividi