Navigazione di bolina dell’esploratore Roberto Fico

0
Condividi
La bolina di Roberto Fico
Navigazione di bolina dell'esploratore Roberto Fico
Le vele dell’esploratore Roberto Fico sono destinate a incontrare forti correnti contrarie. Ma la ratio dell’incarico al Presidente della Camera è quella della navigazione di bolina per consentire alla intricata situazione politica di risalire il vento.
Una bolina che nel Pd farà uscire allo scoperto filo governativi e fronte renziano dell’opposizione. Un fronte che ha già cannoneggiato e in pratica affondato l’incarico esplorativo di Fico. Siluri sommersi dietro la facciata dell’aplomb istituzionale partono anche dal vertice grillino. A completare l’effetto salmone di un Roberto Fico solo, contro tutti e controcorrente, sono del resto pure i numeri parlamentari. Anche con l’appoggio non scontato di Liberi e Uguali, un ipotetico Governo Cinque Stelle – Pd in Parlamento avrebbe infatti una maggioranza gracile: 347 voti alla Camera e 165 al Senato. Navigazione di bolina dell'esploratore Roberto Fico
Analogamente alla certificazione, verificata dalla Presidente del Senato, Elisabetta Alberti Casellati, sull’indisponibilità del Movimento 5Stelle ad aggregare una maggioranza con la coalizione di centro destra al completo, comprensiva cioè di Forza Italia e Fratelli d’Italia, l’ufficializzazione ratificata da Fico della impossibilità di formare una maggioranza fra grillini e Pd, consentirà di procedere più celermente in due direzioni.
Una politica e l’altra istituzionale: un accordo fra Matteo Salvini e Luigi Di Maio, per un esecutivo a maggioranza Lega- Cinque Stelle, oppure  un governo di programma presieduto da una personalità al di sopra delle parti indicata dal Capo dello Stato.Navigazione di bolina dell'esploratore Roberto Fico
Sul cammino dei promessi sposi, come sono stati ironicamente battezzati Salvini e Di Maio si sono però aggiunti, soprattutto per Di Maio, due ingombranti ostacoli: la perdita secca di ben 12 punti percentuali dei voti dei 5 Stelle alle regionali del Molise rispetto alle politiche, segno evidente che la linea del governo a tutti i costi non piace affatto, e il boomerang delle conclusione del pool dei saggi incaricato di verificare la convergenza programmatica fra M5S e Lega.

“Un’impresa ardua” scrive testualmente il prof. Giacinto della Cananea, Presidente della Commissione insediata da Di Maio.  In pratica viene sancita l’inconciliabilità fra Lega e 5 Stelle: “le divergenze  sono particolarmente rilevanti” spiegano i saggi con abbondanza di esempi.

Navigazione di bolina dell'esploratore Roberto Fico

Il Prof. Giacinto della Cananea e Luigi Di Maio

Poco ci manca che il prof della Cananea citi la frase latina a cui fa riferimento Tito Livio a proposito di  situazioni inestricabili…. “In rebus asperis et tenui spe fortissima quaeque consilia tutissima sunt”, nelle situazioni difficili e quando le speranze si assottigliano, sono proprio le risoluzioni più audaci quelle che offrono maggior sicurezza… 
Una massima che viene tenuta in grande considerazione anche al Quirinale.
Navigazione di bolina dell'esploratore Roberto Fico
Condividi