HomeSelfieRilevamento di uranio arricchito nell'atmofera dell'Alaska indiziata la Corea del Nord

Rilevamento di uranio arricchito nell’atmofera dell’Alaska indiziata la Corea del Nord

Incubo nucleare in Alaska

Anomalo rilevamento di particelle di uranio arricchito nell'atmosfera fra l'Alaska e le isole Aleutine. Secondo gli esperti sarebbero la prova di un incidente nucleare nord coreano

Misteriosa particella radioattiva nell’atmosfera dell’Alaska. Rilevata la presenza di uranio non esistente  in natura, e probabilmente attribuibile a incidente nucleare.

Le misteriose particelle radioattive  sono state scoperte per caso in corrispondenza delle isole Aleutine, durante una campagna di rilevamenti dell’Agenzia di ricerca sull’atmosfera e gli oceani degli Stati Uniti (Nooa).

Descritte sul Journal of Environmental Radioactivity, le particelle contengono una forma di uranio arricchito dall’origine sconosciuta e di sorgente non naturale. Secondo una prima ipotesi potrebbe essere stata prodotta in seguito a un incidente nucleare, probabilmente avvenuto in Asia, verosimilmente in  Corea del Nord, ma al momento non c’è alcuna conferma.Rilevamento di uranio arricchito nell'atmofera dell'Alaska indiziata la Corea del Nord

Rivelato soltanto adesso in un articolo scientifico, il rilevamento risale all’agosto del 2016, durante un normale campionamento dell’inquinamento aereo sull’oceano Pacifico, dalle isole Hawaii all’Alaska.

Rilevate a circa 7 chilometri di quota, le particelle non preoccupano  per la loro radioattività, considerando le dimensioni molto ridotte, ma per l’origine degli elementi radioattivi che contengono: l’uranio 238, che esiste in natura, e l’uranio 235, che invece naturale non è  affatto.

“In venti anni nei quali abbiamo raccolto milioni di particelle nell’atmosfera – hanno scritto i ricercatori nell’articolo – abbiamo incontrato solo raramente una particella con un contenuto simile di uranio 238 e mai una particella con uranio arricchito 235”.Anomalo rilevamento di particelle di uranio arricchito nell'atmosfera fra l'Alaska e le isole Aleutine. Secondo gli esperti sarebbero la prova di un incidente nucleare nord coreano

L’uranio 235 e’ infatti la forma di uranio in grado di sostenere una reazione di fissione nucleare, ma secondo i ricercatori è  troppo piccola per essere sfuggita alla produzione industriale di combustibile nucleare. La pubblicazione dell’articolo è, secondo i ricercatori, una sorta di messaggio in bottiglia lanciato alla comunità scientifica, nella speranza che “qualcuno sappia dirci di più sulla fonte dell’uranio arricchito rilevato”.Rilevamento di uranio arricchito nell'atmofera dell'Alaska indiziata la Corea del Nord

Facebook Comments
Gianfranco D'Anna
Gianfranco D'Anna
Fondatore e Direttore di zerozeronews.it Editorialista di Italpress. Già Condirettore dei Giornali Radio Rai, Capo Redattore Esteri e inviato di guerra al Tg2, inviato antimafia per Tg1 e Rai Palermo al maxiprocesso a cosa nostra. Ha fatto parte delle redazioni di “Viaggio attorno all’uomo” di Sergio Zavoli ed “Il Fatto” di Enzo Biagi. Vincitore nel 2007 del Premio Saint Vincent di giornalismo per il programma “Pianeta Dimenticato” di Radio1.
RELATED ARTICLES

AUTORI

Gianfranco D'Anna
3495 POSTS0 COMMENTS
Gianfranco D'Anna
3495 POSTS0 COMMENTS
Augusto Cavadi
38 POSTS0 COMMENTS
Maggie S. Lorelli
27 POSTS0 COMMENTS
Adriana Piancastelli
16 POSTS0 COMMENTS
Antonino Cangemi
16 POSTS0 COMMENTS
Valeria D'Onofrio
15 POSTS0 COMMENTS
Vincenzo Bajardi
14 POSTS0 COMMENTS
Antonio Borgia
5 POSTS0 COMMENTS
Dino Petralia
4 POSTS0 COMMENTS
Letizia Tomasino
3 POSTS0 COMMENTS
Italo Giannola
1 POSTS0 COMMENTS
Francesca Biancacci
1 POSTS0 COMMENTS
Arduino Paniccia
0 POSTS0 COMMENTS
Michela Mercuri
0 POSTS0 COMMENTS
Mauro Indelicato
0 POSTS0 COMMENTS
Leandra D'Antone
0 POSTS0 COMMENTS